teatro in villa in provincia di treviso
distanziatorea HOME distanziatores DOVE DORMIRE A TREVISO distanziatored RISTORANTI distanziatoref NEWSLETTER distanziatoreg PIANTA DELLA CITTÀ distanziatoreh IMMAGINI DI TREVISO distanziatorej E . V. distanziatorek english version distanziatorel
 
COME ARRIVARE
distanziatored
MUSEI DI TREVISO
distanziatoref
EDIFICI STORICI
distanziatoreg
MURA E PORTE
distanziatoreh
STORIA DI TREVISO
distanziatorej
CHIESE
distanziatorej
UNIVERSITÀ
distanziatorek
EVENTI A TREVISO
distanziatorel
HOTELS, ALBERGHI
distanziatoreq
ENOTECHE
distanziatorew
distanziatore4
SEGNALA EVENTO
distanziatore5
distanziatore6
distanziatorei
IMMAGINI
distanziatoreo
distanziatorep

distanziatoree  

SPETTACOLO LA LOCANDIERA A CURA DELLA COMPAGNIA TEATRALE TREMILIONI

 
La compagnia teatrale Tremilioni di Conegliano, per celebrare degnamente il terzo centenario della nascita di Carlo Goldoni, aggiunge un'altra perla al suo repertorio di spettacoli goldoniani, mettendo in scena "La locandiera", per molti storici e critici la più conosciuta, ammirata, letta e rappresentata delle sue commedie, ambientata a Firenze, con personaggi provenienti da diverse parti della penisola e scritta in italiano.   compagnia teatrale tremilioni conegliano
   

Interpreti: Lucio Zuliani (Cavaliere), Alberto Fulgaro (Marchese), Riccardo Santin (Conte), Arianna De Luca (Mirandolina), Fabio Dorigo (Fabrizio), Andrea Stivanello (Servitore del Cavaliere)
Costumi: Marilina Maset Mele
Scenografia: Francesca Pavan
Luci e audio: Gianluca Bortotto
Regia: Antonio Sartor

 
 
 
 
Scarica la locandina dello spettacolo al Teatro Accademia di Conegliano
 
 
 

DATE DELLE RAPPRESENTAZIONI DELLA COMMEDIA LA LOCANDIERA

Saranno tre le date delle rappresentazioni della commedia La locandiera portata in scena dalla Compagnia Teatrale Tremilioni
 

Luogo: TEATRO DA PONTE DI VITTORIO VENETO
Periodo: sabato 14 marzo 2015 – Due repliche
INIZIO spettacolo: mattino ore 10,30 per le scuole e sera ore 21.00 per il pubblico

SPETTACOLO PER LE SCUOLE:
- Biglietti: Euro 6,00 per gli studenti (gratuito per gli insegnanti accompagnatori);
- Prenotazioni: Calzoleria Cancian, Via Marconi, 11 a Conegliano;
- Tel.0438. 411413 – Fax 0438.790102 - canciancalzoleria@virgilio.it

   
 
 
 
 

LA LOCANDIERA - 3 ATTI DI CARLO GOLDONI

   
Carlo Golgoni, dopo aver, nella sua prima maturità, percorso in lungo e in largo la Toscana e aver, come dichiara, "familiarizzato" con i fiorentini, "i testi viventi della buona lingua italiana", l'autore fa rappresentare con successo a Venezia, nel carnevale del 1753, la commedia La locandiera, l'ultima scritta per la compagnia del Medebach e la prima di una serie di capolavori della piena maturità messi in scena al teatro San Luca.   commedia la locandiera auditorium dina orsi conegliano
 
L'opera, costruita su misura per la brillante attrice Maddalena Marliani, cavallo di battaglia poi nel tempo per molte altre grandi interpreti, è una vera e compiuta "commedia borghese”, tutta imperniata su un personaggio, già abbozzato in varie opere precedenti, della donna attraente e avveduta, che usa con vivacità, arguzia, garbo e accortezza le arti della seduzione per far trionfare, davanti a chi le bistratta e le disprezza, le "ragioni" di tutte le donne, "che sono le migliori cose che abbia prodotto al mondo la bella madre natura".
 
In un abile gioco di contrapposizioni - compensazioni, che servono a evidenziare i "caratteri" e a rendere agile e mosso l'intreccio, tolte alcune scene di proposito dal regista, non essenziali allo svolgimento del tema principale, ben presto lo spettatore ha presenti i dati iniziali: una locanda, una locandiera, presente prima nei cuori e sulla bocca dei clienti e poi di persona, sempre comunque al centro della scena, un marchese spiantato capace solo di offrire "protezione", un conte aggressivo e spavaldo, che ha "comprato" il titolo, convinto che per farsi valere servono più "i quattrini" della nobiltà, sempre in gara fra loro per conquistarsi le grazie della donna.
 
 
Ma a pungere sul vivo Mirandolina e a spingerla a una sottile vendetta è un cavaliere, rude, goffo e misogino, che la ferisce nella sua femminilità perché considera le donne "una infermità insopportabile".   spettacoli teatro accademia
 
A far da spalla alla giovane sta il suo aiutante Fabrizio (i soli due nomi propri!), a cui lei è stata promessa in sposa dal padre morente, che Mirandolina "usa" con libera disinvoltura per attuare il suo piano e poi accoglie ben volentieri come marito al momento della stoccata finale data ai tre spasimanti, in particolare al malcapitato cavaliere, dopo averlo "cotto, ricotto e biscottato" per bene!
 
Caratteristici sono i monologhi della locandiera, che stabiliscono una segreta intesa col pubblico, a cui è riservata l'ultima strizzatina d'occhio dalla vivace e vibrante protagonista con l'invito a "ricordarsi” di lei, quando la luce della giovinezza si spegne, si rientra nella normalità della vita coniugale e le esperienze più "libere" e avvincenti di quella età meravigliosa diventano nostalgie, emozioni, "ricordi" appunto!
 
 
 
 
CARLO GOLDONI
Nasce a Venezia nel 1707 da famiglia borghese. Segue fin da ragazzo il padre medico nei suoi sposta-menti e tutta la sua vita successiva sarà caratterizzata da un continuo vagabondaggio da "avventuriero onorato", come si definisce, quasi in ogni parte d'Italia e da ultimo in Francia.
 
Dopo la laurea in legge conseguita a Padova nel 1731, esercita l'avvocatura per alcuni anni, finché darà li-bero sfogo alla sua passione, già viva fin dall'adolescenza, per il teatro, prima impegnandosi in tutti i generi allora in voga, dal dramma fantastico all'intermezzo musicale o comico, approdando poi alla commedia, la sua "vera ispirazione", da lui profondamente rinnovata e trasformata.
Nei suoi soggiorni a Venezia, lavora come "autore comico" prima per il capocomico Imer e quindi per la compagnia del Medebach e infine con quella del Vendramin al teatro San Luca, dove si rappresentano le sue opere migliori, vivendo con i proventi, sempre magri, della sua attività di scrittore.
 
Nel 1762 il commediografo, anche per l'insistente ostilità di concorrenti e critici come l'abate Pietro Chiari e Carlo Gozzi, che lo accusa addirittura di corrompere i costumi, decide di abbandonare Venezia e di recarsi a Parigi a lavorare per la "Comédie Italienne", ripartendo da capo, ma riuscendo anche lì ad attuare la sua riforma del teatro comico.
Viene poi accolto a corte come insegnante di italiano, scrive la sua autobiografia in francese "Mémoires" (Memorie) e, allo scoppio della rivoluzione, perde la pensione regia e muore in miseria nel 1793, attirandosi comunque l'ammirazione di Voltaire, che lo definì l'autore che meglio di ogni altro "dipinse" la natura umana.
 
 
LA RIFORMA DELLA COMMEDIA
Ai tempi del Goldoni, trionfava sulle scene la cosiddetta "Commedia dell’Arte" o "a soggetto", fondata su un intreccio o "canovaccio" approssimativo e liberamente interpretata e improvvisata da Compagnie di giro composte da attori professionisti, personaggi fissi o "maschere", che per ottenere il consenso del pubblico ricorrevano sempre più a evoluzioni o mimiche farsesche, motteggi, "lazzi" e battute scurrili e triviali.
 
Goldoni volle dare valore al testo e dignità all'opera scenica nel suo insieme, convincendosi ben presto che "la buona commedia" sarebbe stato "il solo scopo" della sua vita.
Come scrisse nelle “Memorie” egli osservò dal vivo un attore che interpretava la maschera di Pantalone e creò il suo primo personaggio “al naturale” “Momolo cortesan” (uomo di mondo) obbligato a recitare su un testo scritto, nel 1738.
 
Nel 1744 poi l'autore scrisse per intero la sua prima commedia "riformata", “La donna di garbo", che apre la galleria di affascinanti figure femminili che culminerà in Mirandolina, la famosa locandiera.
Goldoni giunse a questi passi dopo aver riflettuto a lungo, e lo farà per tutta la vita, come dichiara lui stesso, su due "grandi Libri": quello del "Mondo", che gli offriva una varietà illimitata di "caratteri", e quello del "Teatro", cioè della tradizione teatrale, da Aristofane a Molière, che gli forniva la tecnica migliore per "colorire" e "ombreggiare" nel modo più convincente personaggi, ambienti e vicende.
 
E riuscì, col suo senso pratico e la costante attenzione al rapporto autore-pubblico-attore a coinvolgere tanti spettatori con questo nuovo teatro, con numerosi successi, pur tra costanti e talora accanite critiche di colleghi d'arte e detrattori.
Goldoni, togliendo le maschere, volle che dal volto dell’attore trasparissero " i sentimenti e l'anima" del personaggio interpretato; volle essere un vero "poeta della scena", sulla quale ognuno ha pari dignità umana e artistica, a qualsiasi ruolo o classe sociale appartenga, in cui dominano la misura, l'equilibrio, l'ironia, il sorriso (come quello che aleggia sulle labbra della statua dell'artista eretta a Venezia), il buon gusto e soprattutto il buon senso, che solo può evitare che la passione sfoci nel dramma e che nasce da quella "scienza della vita" che è la saggezza tipica della borghesia del tempo e di un Illuminismo vissuto più che teorizzato, che si fonda su una moralità fatta di decenza, contegno, decoro, “onore”.
 
 
 
 

COMPAGNIA TEATRALE TREMILIONI
Via Ortigara 50/A - 31015 Conegliano (TV)
Tel. 0438.60014

www.tremilioni.it - compagnia@tremilioni.it
https://twitter.com/Tremilioni
http://www.facebook.com/pages/Tremilioni-Compagnia-Teatrale/107320812630764

 
 
 
[ Spettacoli al Teatro Careni ]
[ Alberghi a Treviso ] - [ Hotel in provincia di Treviso ] - [ Bed and Breakfast a Treviso ] - [ Agriturismi in provincia di Treviso ]
[ b&b Treviso ] - [ Enoteche a Treviso ] - [ Ristoranti di Treviso ] - [ Mostra Bellotto a Conegliano ] - [ Magie dell'India ]
[ Treviso e Carinzia: esperienze a tavola ] - [ Primavera del Prosecco 2012 ] - [ Treviso Marathon 2012 ]- [ Teatro in villa 2013 ]